Questo sito contribuisce alla audience di

Viète, François

matematico e uomo politico francese (Fontenay-le-Comte 1540-Parigi 1603). Fu membro del Parlamento di Bretagna (1573-82) e in seguito del consiglio privato della corte di Enrico III e di Enrico IV. Conoscitore di Diofanto e Gerolamo Cardano, si dedicò allo studio dei fondamenti dell'algebra pubblicando, nel 1591, In artem analyticam isagoge, scritto nel quale introdusse il sistema notazionale che segnò il definitivo trapasso dal calcolo numerico al calcolo letterale. Si occupò infine di varie questioni geometriche nonché di trigonometria piana e sferica.

Media


Non sono presenti media correlati