Questo sito contribuisce alla audience di

Vinča

stazione preistorica tra le più importanti dell'Europa balcanica, poco a S di Belgrado, caratterizzata da un tumulo (tell) di 8 m di altezza, in cui sono stati rinvenuti in stratigrafia resti preistorici che testimoniano un'ininterrotta frequentazione della località dal V al II millennio a. C. All'orizzonte più antico, racchiudente avanzi della cultura neolitica di Starcevo, segue un consistente deposito in cui è ampiamente documentata la cultura di Vinča nella sue facies di Vinča Turdos e Vinča Pločnik, rispettivamente del Neolitico medio e recente, corrispondenti a periodi di grande floridezza, in cui vivevano genti dedite all'agricoltura e al commercio. Accanto ai vasi neri lucidi dipinti di bianco sono tipiche numerose statuette fittili con la figura umana stilizzata. Di elevato interesse per le connessioni con le culture coeve balcaniche sono anche i livelli superiori con materiali della cultura eneolitica di Baden e dell'Età del Bronzo.

Media


Non sono presenti media correlati