Questo sito contribuisce alla audience di

Virgìnia (mitologia)

eroina di una leggenda romana del sec. V a. C. È una ragazza plebea insidiata dal patrizio Appio Claudio, uno dei decemviri, e uccisa dal padre a tutela del suo onore: l'episodio provoca una rivolta della plebe e la fine del decemvirato. Raccolta da Livio, la leggenda ispirò numerosi poeti tragici, tra cui lo spagnolo J. de la Cueva (ca. 1585) e i francesi J. Mairet (1628) e J. G. de Campistron (1683), l'inglese J. S. Knowles (1820) e lo spagnolo M. Tamayo y Baus (1853), nonché numerose opere musicali composte, tra gli altri, da G. Andreozzi (1787), E. Petrella (1861) e S. Mercadante(1866). Fa spicco l'omonima tragedia di V. Alfieri (1777), primo esempio di teatro politico dell'autore astigiano e appassionata esaltazione degli ideali di libertà.

Media


Non sono presenti media correlati