Questo sito contribuisce alla audience di

Vogt, Nils Collett

poeta e scrittore norvegese (Oslo 1864-1937). Per reazione all'ambiente borghese al quale apparteneva, condusse vita da bohémien legandosi ai circoli anarchici della capitale. Il romanzo Il tormento della famiglia (1889) è la testimonianza di tale contrasto. A un soggiorno in Italia sono ispirate le due raccolte di versi Dalla primavera all'estate (1894) e Musica e primavera (1896) di tono fortemente lirico. Più meditate le raccolte poetiche successive: Il caro pane (1900), Versi da Cristiania (1904) e Incendio di Settembre (1907), che cantano la città natale, l'infanzia e l'adolescenza. Dopo il romanzo Harriett Blich (1903) e alcuni tentativi teatrali (Anime tese, 1910; La madre, 1913; Teresa, 1914), Vogt tornò alla lirica con le raccolte Ritorno a casa (1917), Giù dalla montagna (1924), Vento e onde (1927) e Una vita in poesia (1937). Vogt fu anche autore di saggi (Vivi e morti, 1922; Da ragazzo a uomo, 1932; Esperienze, 1934).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti