Questo sito contribuisce alla audience di

Watt, James

inventore scozzese (Cartsdyke, oggi Greenock, 1736-Heathfield, Birmingham, 1819). Lavorò come riparatore di apparecchi meccanici all'Università di Glasgow, interessandosi nel contempo a studi scientifici sul calore nell'intento di migliorare il rendimento della pompa a vapore di T. Newcomen. Durante i suoi esperimenti comprese l'importanza della condensazione del vapore usato per innalzare il pistone della pompa e del raffreddamento del cilindro motore; nel 1769 brevettò la prima macchina a vapore con condensatore separato dal cilindro che, perfezionata in seguito (pistone a doppia azione, regolatore centrifugo per il controllo della velocità ecc.), rappresentò lo schema base per tutti i motori alternativi a vapore . Watt seppe anche sfruttare abilmente la propria invenzione fondando nel 1775 a Birmingham, in società con l'industriale M. Boulton, la Boulton & Watt, che gli procurò una considerevole fortuna. A Watt si deve inoltre l'introduzione (1782) dell'unità di potenza detta cavallo vapore inglese.

Regolatore meccanico a forza centrifuga, usato un tempo nelle motrici a vapore: è costruito in modo che un aumento della forza centrifuga agente sulle masse M, dovuto a un aumento di velocità angolare, determini l'innalzamento del collare C che comanda la valvola di immissione del vapore. Una diminuzione della velocità produce, inversamente, un abbassamento delle masse "Per lo schema del regolatore di Watt vedi il lemma del 20° volume." "Vedi schema vol. 22, pag. 462" .