Questo sito contribuisce alla audience di

alogenuro (chimica)

Guarda l'indice

Chimica inorganica

sm. [da alogeno+-uro]. Composto chimico binario di un alogeno con un elemento metallico o non metallico. Gli alogenuri degli elementi metallici, come per esempio il cloruro di sodio, NaCl, o quello di bario, BaCl₂, sono i sali degli acidi alogenidrici e sono composti a carattere tipicamente salino. Si ottengono per azione degli acidi alogenidrici sugli ossidi, sugli idrossidi o sui carbonati dei metalli corrispondenti: possono anche ottenersi per azione dell'acido alogenidrico sul metallo purché questo sia abbastanza elettropositivo da spostare l'idrogeno:

La maggior parte degli elementi si combina direttamente con gli alogeni spesso reagendo violentemente; con un difetto di alogeno si ottiene l'alogenuro a valenza inferiore, con un eccesso di alogeno quello a valenza superiore:

Gli alogenuri metallici tipici sono tutti solidi e generalmente solubili in acqua eccetto quelli di argento, di piombo e del mercurio e del tallio monovalenti. Sono incolori a meno che non derivino da un catione metallico di per sé colorato. Gli alogenuri degli elementi non metallici tipici sono invece composti a carattere covalente, liquidi a temperatura ambiente o solidi a basso punto di fusione; molti possono essere distillati senza decomposizione. Con l'acqua reagiscono spesso vivacemente liberando un acido alogenidrico e l'ossiacido corrispondente

Chimica organica

Composto che deriva dall'unione di un atomo di alogeno a un alchile, a un arile o a un acile. Si hanno quindi, indicando con X un atomo di alogeno e rispettivamente con R, Ar e Ac un radicale alchilico, arilico o acilico, gli alogenuri alchilici RX, arilici ArX e acilici AcX. Un composto del primo tipo è, per esempio, il cloruro di metile CH₃Cl, uno del secondo il clorobenzene C6H5Cl, uno del terzo il cloruro di acetile CH₃COCl. La reattività dell'atomo di alogeno è elevatissima negli alogenuri acilici, minore negli alchilici e molto limitata negli arilici: essa aumenta nei composti di un medesimo tipo con l'aumentare del peso atomico dell'alogeno e cioè dal cloroderivato al bromoderivato e allo iododerivato. I metodi di preparazione di questi composti variano dall'uno all'altro; molti di essi costituiscono importanti prodotti intermedi in numerose sintesi chimiche.

Media


Non sono presenti media correlati