Questo sito contribuisce alla audience di

crisofànico

agg. [da criso-+il tema del greco pháinesthai, apparire]. Acido crisofanico, composto organico, detto anche crisofanolo o rumicina, diossimetilantrachinone di formula

È contenuto nel rabarbaro, nella sena e nella cascara sagrada; si ottiene anche per ossidazione della crisarobina. Si presenta come una polvere cristallina, di colore giallo oro, inodore, insolubile in cloroformio, benzene ed etere. L'acido crisofanico ha proprietà purgative e antiparassitarie. Assieme al derivato sintetico crisofanato di bismuto, è stato adoperato in passato nel trattamento di alcune malattie della pelle.

Media


Non sono presenti media correlati