Questo sito contribuisce alla audience di

crocina

sf. [sec. XIX; da croce]. Glucoside di formula bruta C44H64O₂4 che costituisce il principio colorante dello zafferano. È chimicamente il diestere del genziobiosio con un acido bicarbossilico di struttura carotenoide detto crocetina. È una sostanza di colore rosso-brunastro che si scioglie in acqua calda formando una soluzione gialla. La crocina è presente, oltre che nello zafferano, in alcune alghe verdi del genere Chlamydomonas, dove interviene nei meccanismi di richiamo e di copulazione dei gameti maschili e femminili.