Questo sito contribuisce alla audience di

cursóre

sm. [sec. XIV; dal latino cursor -ōris, propr. che corre, da currĕre].

1) Nel tribunale ecclesiastico, l'ufficiale che ha il compito di notificare gli atti giudiziari e di eseguire le sentenze.

2) Parte, scorrevole su guide, di alcuni attrezzi e strumenti di misura. È detto anche corsoio. In particolare: A) in elettrotecnica è detto c. l'elemento di contatto mobile di un reostato. B) Nelle armi da fuoco, congegno, parte mobile dell'alzo, che consente di stabilire la linea di mira. C) Parte scorrevole di una chiusura lampo. D) Nell'industria tessile, sinonimo di anellino.

3) In fisica matematica, vettore di cui è definita la retta d'azione, ma non il punto di applicazione.

4) In elettronica, simbolo (un trattino, un segno di disuguaglianza, un rettangolo) che appare sul visualizzatore o sullo schermo del terminale di un elaboratore e che indica la posizione “attiva” dove verrà inserito il successivo carattere. È in genere ben evidenziato sul fondo e a volte lampeggiante. Viene comandato dalla tastiera tramite gli appositi tasti o da comandi mobili come il mouse e il joystick.

Media


Non sono presenti media correlati