Questo sito contribuisce alla audience di

deviatóre

sm. [sec. XX; da deviare].

1) Ferroviere addetto alla manovra degli scambi.

2) Apparecchio atto a deviare una vena fluida o un flusso di materiale incoerente. Consta in generale di una valvola o di un setto che consente la deviazione del flusso secondo due o più vie. Tipico è il deviatore a tegolo delle turbine Pelton e quello, costituito da una schiera di palette, disposto nei gomiti del condotto delle gallerie del vento (detto anche deflettore).

3) In aeronautica, deviatore di getto, dispositivi costituiti da condotti alettati o da griglie di alette, orientabili a comando, che permettono di variare la direzione secondo cui viene eiettata la massa dei gas di scarico di un turboreattore, consentendo di orientare la trazione da questo fornita. Deviatori di getto sono usati su aeromobili a decollo verticale e, potendo assicurare anche l'inversione della spinta di un reattore, sono pure impiegati, sotto la denominazione di inversori di spinta, per frenare la corsa di atterraggio di velivoli a reazione. A partire dagli anni Novanta, i deviatori vengono applicati agli ugelli dei motori dei velivoli da caccia (ugelli bitridimensionali) allo scopo di aumentarne la manovrabilità.

4) Negli impianti elettrici, il deviatore è un apparecchio che consente di inserire un circuito su due distinte linee di alimentazione, oppure di alimentare, a scelta, una di due distinte linee di utilizzazione; può essere unipolare o multipolare. Negli impianti elettrici domestici l'impiego di due deviatori (in questo caso sempre unipolari) consente di accendere o spegnere una lampada o un gruppo di lampade da due diversi punti.

. Webtrekk 3.2.2, (c) www.webtrekk.com -->