Questo sito contribuisce alla audience di

endorfina

sf. [da endo-+(m)orfina]. Sostanza contenuta nei tessuti degli animali superiori, avente proprietà farmacologiche simili a quelle della morfina; si ritiene anzi che le endorfine abbiano funzioni biologiche di portata più ampia dei maggiori analgesici, naturali o di sintesi. In particolare, le endorfine svolgerebbero una funzione di controllo e di coordinazione delle attività nervose superiori, cosicché un'anomala loro disponibilità a livello dei recettori centrali avrebbe un significato importante nella genesi di alcune espressioni patologiche del comportamento. L'intervento delle endorfine nella modulazione della sensibilità dolorifica è suggerita, oltre che da numerose ricerche neurofisiologiche, che hanno dimostrato la loro capacità di legarsi ad alcuni recettori presenti nel sistema nervoso centrale e la cui azione ultima sarebbe quella dell'innalzamento della soglia del dolore; inoltre è stata dimostrata la diminuzione del tasso di queste sostanze (più propriamente dei peptidi) nel liquor di soggetti con nevralgia del trigemino o affetti da altre forme di dolore cronico di origine somatica. In questi pazienti l'analgesia mediante elettrostimolazione (o agopuntura) determina l'aumento nel liquor del contenuto di endorfine.

Media


Non sono presenti media correlati