Questo sito contribuisce alla audience di

impenitènza

sf. [sec. XIV; dal latino tardo impaenitentía]. L'essere impenitente; in particolare, il rifiuto di pentirsi dei propri peccati. Se il peccatore non avverte l'obbligo di pentirsi esplicitamente, si ha l'impenitenza puramente materiale: essa non costituisce un peccato specifico, mancando l'avvertenza e la volontarietà. L'impenitenza diviene formale quando il peccatore, pur avvertendo l'obbligo di farlo, rifiuta volontariamente di convertirsi. L'impenitente “pubblico e notorio” può essere privato della sepoltura ecclesiastica.

Media


Non sono presenti media correlati