Questo sito contribuisce alla audience di

maduromicòsi

sf. [da Madura+micosi]. Affezione, detta anche micetoma o piede di Madura (dalla città di Madura, oggi Madurai), sostenuta da infezione fungina (generi Nocardia, Indiella, Madurella, ecc.), endemica nelle regioni tropicali o subtropicali. I miceti si introducono nell'organismo attraverso piccole ferite prodotte dalla penetrazione di corpi estranei (spine, frammenti vegetali, ecc.), specie nei piedi, e provocano tumefazione locale con flogosi granulomatosa dei tessuti, decalcificazione delle ossa, formazione di tragitti fistolosi con fuoruscita di pus contenente granuli gialli, neri o rossi, secondo la specie di micelio. Il decorso è cronico (da 10 a 20 anni) e la terapia è a base di sulfamidici e di antibiotici antifungini (ketoconazolo e anfotericina B). Per arrestare la progressione della malattia può rendersi necessaria l'amputazione del piede.