Questo sito contribuisce alla audience di

stàrter

s. inglese (da to start, far partire, mettere in moto) usato in italiano come sm.

1) Nello sport, il giudice di corsa che dà il segnale del via (in italiano mossiere).

2) Dispositivo detto anche arricchitore di miscela che favorisce la messa in moto a freddo di un motore endotermico, adeguando il titolo di miscela aria-carburante aspirato dal motore. Il comando di questo dispositivo può essere manuale, semiautomatico o automatico. Nel primo caso l'inserzione e il disinserimento avvengono per mezzo di un comando mosso dall'interno del veicolo. Lo starter semiautomatico si differenzia perché si disimpegna premendo l'acceleratore oltre un certo valore; infine lo starter automatico è comandato da una spirale bimetallica sensibile alla temperatura del gas di scarico, dell'acqua di raffreddamento del motore, dell'aria esterna. Sui motocicli la funzione dello starter è esplicata da una saracinesca a comando manuale che limita temporaneamente l'afflusso d'aria alla camera di carburazione, eventualmente integrata da un tasto che provoca a ogni pressione l'immissione di uno spruzzo supplementare di benzina nella camera stessa.

3) Dispositivo, detto anche avviatore, che consente l'innesco della scarica tra gli elettrodi delle lampade fluorescenti a catodo caldo. Lo starter è sostanzialmente un interruttore automatico, costituito in genere da una lamina bimetallica immersa in atmosfera di argo. A lampada spenta lo starter risulta collegato in serie ai due elettrodi e, quando si applica al circuito la tensione di rete, si manifesta nell'argo una scarica. Ciò permette il passaggio di corrente e il conseguente riscaldamento sia del catodo, che emette elettroni ionizzando il gas entro il tubo fluorescente, sia della lamina bimetallica, che si deforma fino a toccare il secondo elettrodo dello starter, interrompendo la scarica nell'argo. In tali condizioni la lamina si raffredda, il contatto dello starter si apre e la piena tensione di alimentazione viene applicata tra gli elettrodi, producendo la scarica nel gas ionizzato; se invece la ionizzazione non è sufficiente, lo starter si riapre e il ciclo si ripete fino allo stabilirsi di una scarica permanente.

Media


Non sono presenti media correlati