Questo sito contribuisce alla audience di

Èzio

(latino Aetíus), generale romano (390-453). Combatté con successo contro i Goti, i Franchi, i Burgundi; ridiede così respiro all'Impero romano agonizzante, ricorrendo anche ad alleanze con altri popoli barbari. Destituito da Galla Placidia (che gli preferì Bonifacio) e quindi reintegrato nell'incarico, represse i tentativi di sollevazione di Bonifacio, favoriti dalla gelosia della corte. La vittoria ottenuta sugli Unni di Attila nel 451 ai Campi Catalaunici segnò il momento del suo maggior prestigio. Finì vittima di una congiura di palazzo, cui sembra diede il proprio assenso lo stesso imperatore Valentiniano III.