Questo sito contribuisce alla audience di

Anatòlia Centrale

(Iç Anadolu). Regione della Turchia centrale, 236.889 km², 15.864.000 ab. (2000), 67 ab./km². Province: Adıyaman, Aksaray, Amasya, Ankara, Çankırı, Çorum, Kahramanmaraş, Karaman, Kaisery, Konya, Kıirıkkale, Kırşehir, Malatya, Nevşehir, Niğde, Sivas, Tokat, Yozgat. Confini: Costa del Mar Nero (N), Anatolia orientale (E), Anatolia sudorientale (SE), Costa del Mediterraneo (SW), Anatolia occidentale (W).

Questa è la più estesa regione della Turchia: occupa la sezione centrale del Paese con un vasto altopiano orlato a N dai monti Köroğlu, monti Deveci, a E dai monti Tecar e solcato dal lungo fiume Kızılırmake dai suoi affluenti; nella sezione meridionale, a N dell'altopiano di Konia si estende il Deserto Salato e più a N un ampio lago salato, il lago Tuz e un lago di acqua dolce, il llago Hirfanli, formato dal Kızılırmak. Il clima è di tipo continentale, leggermente mitigato in presenza dei laghi, con inverni rigidi ed estati calde. Tra i numerosi parchi nazionali del territorio si possono citare: Nemrut Dagi (1989), Sogusku (1959), Alaca Höyük (1988), Göreme (1986), Aladaglar (1995), Yozgat (1958). La popolazione è concentrata ad Ankara, che detiene le funzioni di capitale politica, economica e culturale, ; rispetto a İstanbul, la capitale storica, Ankara ha avuto una crescita demografica molto più veloce, ricevendo consistenti flussi migratori dalle zone rurali dell'entroterra. Altri due centri, nella sezione meridionale della regione, superano il mezzo milione di abitanti: Konya e Kayseri. La capitale è dotata di aeroporto ed è il centro su cui convergono le strade principali della regione e che attraversano tutto il territorio turco; le linee ferroviarie attraversano la regione da E a W, una congiunge Eskişehir a Kırıkkale e Kayseri via Ankara, e la seconda, parallela a S, segue la linea Uşak Afyon, Konya, Ulukişla, Adana, fino in Siria. Nella Anatòlia Centrale è possibile visitare il Parco Nazionale di Camlik situato pochi chilometri a S della capitale.La principale emergenza ambientale della regione è l'erosione dei suoli, dovuta all'eccessivo utilizzo del territorio montano per uso dei pascoli.§ L'economia agricola è incentrata sull'allevamento ovino e sulla cerealicoltura; l'attività industriale (meccanica, tessile, materiali da costruzione, alimentare), è concentrata nei principali centri urbani: Ankara, Afyon, Konya, Kayseri. Quest'ultima, assieme ad Ankara, ha sviluppato anche alcuni comparti ad alto contenuto tecnologico: elettronica, telecomunicazioni e aeronautica.