Questo sito contribuisce alla audience di

Costantinòpoli

colonia fondata nel 658 a. C. dai Megaresi con il nome di Bisanzio, mutato in Costantinopoli nel 330 d. C. (per la geografia, l'arte e l'urbanistica, vedi İstanbul). Fu, tra le città abitate dagli Elleni, una delle meglio situate potendo controllare dal Bosforo le vie commerciali per e dal Mar Nero. Già citata dagli storici nel sec. VI a. C., fu spesso oggetto delle mire dei Persiani, delle città ioniche e delle maggiori città greche. Nel sec. V a. C. fu contesa tra Sparta e Atene; accanto a quest'ultima partecipò alla guerra del Peloponneso, ma, prima che questa avesse termine, cadde in mano agli Spartani. Nel sec. IV fu ora alleata di Atene, ora di Sparta o di Tebe e si legò infine a Filippo il Macedone. Nelle guerre fra i Diadochi cercò spesso la neutralità per poter continuare tranquilla i suoi traffici. Minacciata da Rodi, dal re di Bitinia e specialmente dai Traci, trovò (inizio sec. II a. C.) un appoggio nei Romani. Avendo sostenuto Pescennio Nigro contro Settimio Severo, fu da questi semidistrutta e duramente umiliata (196 d. C.). Conquistata da Licinio nel 313, nel 323 fu occupata da Costantino, che nel 330 l'elevò a capitaleotivi strategici e politici. Ingrandita e abbellita, densamente popolata (raggiunse i 500.000 abitanti nel sec. V), Costantinopoli assurse ben presto alla dignità di grande metropoli religiosa (sede, tra il sec. IV e il IX, di quattro concili, la città divenne nel 588 patriarcato ecumenico), culturale (università), economica (punto d'incrocio delle vie commerciali d'Oriente e d'Occidente). L'artigianato e i traffici vi avevano vita intensa; ma i due poli di forza erano l'imperatore con la sua corte e un clero potente e geloso dei suoi privilegi. Il popolo, mai estraneo alle dispute teologiche, era irrequieto e facile ai tumulti. Ben difesa da ogni parte, la città respinse sempre tutti i tentativi di conquista (Unni, Goti, Slavi, Avari, Arabi, bulgari, serbi, Normanni) sino al 1204, quando cadde una prima volta nelle mani dei Crociati, che fondarono l'Impero latino d'Oriente (1204-61); i Turchi ottomani accerchiarono gradatamente la città e la presero nel 1453. Nel 1465 Costantinopoli divenne ufficialmente la capitale dell'Impero ottomano. I sultani trasformarono Santa Sofia in moschea e ne costruirono altre in città. La città si estende sulla collina di Pera (detta dai turchi Beyoglu) e sino a Üsküdar (Scutari), al di là del Bosforo. Con gli anni prevalse l'elemento turco, senza però che la città perdesse la sua caratteristica di caleidoscopio di tutte le genti dell'impero. I latini furono, in genere, ben trattati; e anche la religione cristiana godette di un certo rispetto. La vita politica di Costantinopoli si fuse con quella dell'Impero ottomano; la presenza della corte e del sultano non rappresentò, probabilmente, un fattore di progresso civile e gli scambi artistici e culturali col resto dell'Europa rimasero assai modesti. Solo nel 1846 fu aperta a Costantinopoli un'università. Dopo la prima guerra mondiale, la città fu occupata da truppe dell'Intesa e nel 1923, dopo il trasferimento ad Ankara dell'Assemblea Nazionale e del governo, perse ogni importanza politica. § A Costantinopoli Teodosio promulgò l'editto contro l'idolatria; nel corso dei secoli fu inoltre sede di paci e trattati e vi ebbe luogo la convenzione del 1888 sul canale di Suez. Per l'arte, vedi İstanbul e bizantino. "Per approfondire Vedi Gedea Arte vol. 3 pp 34-37, 74-75" "Per approfondire Vedi Gedea Arte vol. 3 pp 34-37, 74-75"

Per la storia

R. Guerdan, Vie, grandeur et misère de Bysance, Parigi, 1954; M. Philips Price, Storia della Turchia, Bologna, 1958; H. W. Haussig, Storia e civiltà di Bisanzio, Milano, 1964; L. Pietromarchi, Turchia vecchia e nuova, Milano, 1965; R. Mantran, La vita quotidiana a Costantinopoli ai tempi di Solimano, Milano, 1985.

Per la geografia e l'arte

Vedi alla voce İstanbul.