Questo sito contribuisce alla audience di

Anco Màrcio

(latino Ancus Marcíus), quarto dei sette re dell'antica Roma, regnò nella seconda metà del sec. VII a. C. Gli si attribuirono la conquista del territorio fino alla foce del Tevere, dove fondò Ostia, la costruzione del primo ponte stabile sul Tevere, il ponte Sublicio, che accrebbe l'importanza di Roma quale centro di transito commerciale. Combatté e vinse i Latini, i Veienti, i Volsci, i Sabini. § Nell'accezione mitica del regno Anco Marcio appare come un eroe culturale, che dà alla città istituzioni belliche e la disciplina con una valida azione ordinatrice. In campo religioso Anco Marcio ha istituito i sodalizi sacerdotali dei Flamini e dei Feziali.

Media


Non sono presenti media correlati