Questo sito contribuisce alla audience di

Baranèllo

comune in provincia di Campobasso (16 km), 610 m s.m., 24,84 km², 2653 ab. (baranellesi), patrono: san Michele Arcangelo (8 maggio).

Centro situato su un colle boscoso alla destra del fiume Biferno. Dominato dal monte Vairano, da cui prese il nome, nacque in età normanna. Fu poi feudo dei Gaetani e dei Carafa.§ La parrocchiale di San Michele Arcangelo, ricostruita dopo il terremoto del 1805, conserva dipinti del Sei-Settecento napoletano. Il Museo Civico custodisce un'interessante ed eterogenea raccolta di opere d'arte: urne e coppe magno-greche (sec. VI-V a. C.), vasi etruschi, bronzi di varie epoche, frammenti di affreschi di Pompei, porcellane orientali, dipinti di L. Giordano e G. Palizzi.§ L'agricoltura produce cereali, ortaggi, frutta, olive, uva (molise DOC) e foraggi per l'allevamento bovino, ovino e caprino (con produzione di formaggi tipici).

Media


Non sono presenti media correlati