Questo sito contribuisce alla audience di

Berchtold, Leopold, cónte e baróne di-

statista austriaco (Vienna 1863-Sopron 1942). Ricco latifondista, entrò in diplomazia nel 1893 e fu ambasciatore a Pietroburgo (1906-12), sostituendo poi Aehrenthal come ministro degli Esteri. Subendo l'influenza degli ambienti militari, lasciò ulteriormente deteriorare i già tesi rapporti con la Russia, non seppe evitare il distacco dell'Italia e della Romania dagli imperi centrali e mostrò cieca intransigenza verso Serbia e Montenegro. Il 5 dicembre 1912 fu tra i firmatari del rinnovo del Trattato della Triplice Alleanza, atto che fu preceduto da una visita che Berchtold fece a Vittorio Emanuele III nel tentativo d'impostare una politica di buon vicinato. Autore del fatale ultimatum a Belgrado del luglio 1914, si dimise nel gennaio 1915. Per la sua leggerezza e imprevidenza è generalmente considerato uno dei maggiori responsabili della prima guerra mondiale.

Media


Non sono presenti media correlati