Questo sito contribuisce alla audience di

Borghini, Vincènzio

filologo e storico (Firenze 1515-1580). Benedettino, curò per conto della congregazione dell'Indice l'edizione purgata del Decameron (1573), che restaurò nella sua veste linguistica. Le sue Annotazioni e discorsi sopra alcuni luoghi del Decameron sono tra i saggi migliori della filologia cinquecentesca, mentre nella Lettera intorno a' manoscritti dà le norme per l'edizione di un testo antico. Acuto critico di Dante, Borghini fu tra i primi a liberare l'interpretazione della Divina Commedia dalla ricerca di reconditi significati allegorici. A lui si devono infine pregevoli studi sulla storia antica di Firenze (Discorsi, postumi, 1584-85).

Media


Non sono presenti media correlati