Questo sito contribuisce alla audience di

Bougainville

Guarda l'indice

Generalità

Isola (10.049 km²; 96.000 ab.) dell'Oceano Pacificosudoccidentale, la maggiore dell'arcipelago delle Salomone, amministrativamente compresa nello Stato di Papua Nuova Guinea, di cui costituisce una provincia (km² 9300, capoluogo Arawa). Di origine vulcanica, è montuosa, con cime elevate nella Emperor Range, dove il monte Balbi raggiunge i 2745 m; dense foreste ricoprono la sua parte più elevata, mentre lungo le coste si stendono piantagioni di palme da cocco, cacao, caffè, banani e caucciù. Esportazione di legnami dalla baia di Tonolei. Centri principali, oltre al capoluogo, sono Sohano, sullo stretto di Buka, e Kieta, sulla costa orientale, nei cui dintorni si sono rinvenuti depositi di rame. Turismo.

Storia

Scoperta nel 1768 dal francese L. A. de Bougainville, e successivamente così chiamata in suo onore, l'isola ha conosciuto i primi moti secessionisti nel 1988, in seguito alla violenta rivolta degli agricoltori locali per una richiesta di indennizzo per i danni provocati dallo sfruttamento di un immenso giacimento di rame. Autoproclamatasi indipendente nel maggio 1990, negli anni successivi è stata teatro di violenti scontri tra le forze governative e i guerriglieri dell'Esercito rivoluzionario di Bougainville (BRA), sfociati, nel 1996, nell'assassinio di Theodore Miriung, capo del governo provvisorio di Bougainville. Dopo il cessate il fuoco del gennaio 1998, nell'aprile dello stesso anno i rappresentanti del BRA e del governo provvisorio di Bougainville hanno siglato con il governo centrale un accordo di pace che ha assicurato all'isola un'ampia autonomia.

Media


Non sono presenti media correlati