Questo sito contribuisce alla audience di

Buchheister, Carl

pittore tedesco (Hannover 1890-1964). Abbandonata la carriera di uomo d'affari, divenne uno dei pittori che, dopo la prima guerra mondiale, gettarono le basi del costruttivismo. Amico di V. Kandinskij e affine alle teorie degli artisti del Bauhaus, intorno al 1925 Buchheister cominciò a realizzare quadri seriali e dal carattere standardizzato. A differenza di quelli di P. Mondrian, i suoi dipinti presentano numerose sfumature di colori e intendono dare, attraverso differenti spessori di materia, l'impressione di avere a che fare con piani leggermente avanzati o arretrati (Composizione in sfumature di blu e giallo. Quadro modello, 1926). Dopo essersi avvicinato al movimento Dada e aver collaborato con K. Schwitters, ampliò il novero dei materiali utilizzati, includendo plexiglas, alluminio, legno e corda. Dopo la seconda guerra mondiale, elaborò un nuovo stile ispirato alla poetica dell'Informale, improvvisando forme libere composte in movimenti dinamici in cui dare spazio all'immaginazione.

Media


Non sono presenti media correlati