Questo sito contribuisce alla audience di

Calvo, Edoardo Ignàzio

medico, commediografo e poeta dialettale italiano (Torino 1773-1804). Costretto all'esilio perché sostenitore delle idee rivoluzionarie francesi, se ne allontanò e poi le avversò in commedie satiriche quali Artaban bastonà, scritte in dialetto piemontese, e nelle Favole morali (1802 e 1803), in terza rima. Diede il meglio di sé nelle Poesie inedite (1803), in dialetto piemontese.