Questo sito contribuisce alla audience di

Camillo de Lèllis

santo, fondatore dei camillini o camilliani (Bucchianico, Chieti, 1550-Roma 1614). È patrono con San Giovanni di Dio degli ospedali e degli infermi (Leone XIII, 1886) e dal 1930 degli infermieri secolari e delle loro pie associazioni. Dopo aver partecipato a più di una guerra, si fece nel 1575 cappuccino, ma uscì dall'ordine a causa di una persistente infermità. In ospedale si diede a una vita ancor più devota, assistito spiritualmente da San Filippo Neri. Fattosi sacerdote nel 1584, fondò la Compagnia dei Ministri degli Infermi. Nel 1607 si dimise dalla carica di superiore per dedicarsi solo ai poveri. Quando morì, l'ordine contava ca. 300 professi distribuiti in 5 province. Fu canonizzato da Benedetto XIV nel 1746. Festa il 14 luglio.

P. Alain, San Camillo de Lellis, Parigi, 1946; G. Sartorelli, San Camillo de Lellis, L'Aquila, 1988.