Questo sito contribuisce alla audience di

Canicattini Bagni

comune in provincia di Siracusa (25 km), 362 m s.m., 15,11 km², 7519 ab. (canicattinesi), patrono: san Michele Arcangelo (29 settembre).

Centro situato sul versante orientale dei monti Iblei. Nel feudo di Bagni, menzionato già nel sec. XIII, e rientrante nella baronia di Canicattini, il marchese Mario Daniele fondò nel 1678 il borgo originario. § Nell'abitato, dall'aspetto barocco, è la chiesa madre di Santa Maria degli Angeli (sec. XVII, rimaneggiata nel XIX), a navata unica; eleganti decorazioni liberty, realizzate da scalpellini locali con materiali provenienti dalle cave vicine, abbelliscono alcune abitazioni nobiliari. § L'agricoltura produce ortaggi, frutta (soprattutto agrumi), cereali, uva da vino e mandorle; è diffuso l'allevamento ovino e bovino. L'industria opera nei settori alimentare e dei materiali da costruzione. § Nel territorio, in contrada Olivella, sono le necropoli bizantine di Cozzo Guardiole e di Sant'Elama (sec. V-VII); necropoli preistoriche e catacombe cristiane a grotticella sono, invece, nelle contrade Sant'Alfano e Martino. Fuori dal paese è anche il ponte di Sant'Alfano (1796), in pietra locale, con due grandi figure in bassorilievo poste ai due lati della costruzione.