Questo sito contribuisce alla audience di

Carafa, Diomède, cónte di Maddalóni

letterato, uomo politico ed economista italiano (Napoli 1406-1487). Fu al servizio di Alfonso V il Magnanimo, poi del successore Ferdinando I. Nel suo palazzo, tra i più sontuosi del Rinascimento a Napoli, ordinò un museo di cose d'arte. A uso dei signori aragonesi scrisse otto memoriali, tra i quali spiccano il Memoriale dell'ufficio del principe (che fu tradotto in latino da G. B. Guarini), in cui trattò i problemi del nuovo Stato moderno propugnando la libertà economica e un sistema di tassazione moderato ed equo, e il Memoriale a Beatrice d'Aragona, in occasione del matrimonio della principessa con Mattia Corvino, re d'Ungheria.