Questo sito contribuisce alla audience di

Cauca (provincia)

provincia (29.308 km²; 1.197.874 ab. nel 1997; capoluogo Popayán) della Colombiasudoccidentale, esteso tra la Cordigliera Centrale a E e l'Oceano Pacifico a W e di cui fa parte l'isolotto di Malpelo (2 km²). Comprende, da W a E, diverse regioni fisiografiche: la pianura costiera, ricoperta dalla fitta selva equatoriale; la Cordigliera Occidentale, qui culminante a 3012 m nel monte Munchique; la depressione del fiume Patía, che a N si prolunga nell'alta valle del fiume Cauca e nell'altopiano di Popayán; la Cordigliera Centrale, che qui supera con numerose cime i 4000 m (vulcano Sotará, 4580 m; vulcano Petacas, 4300 m). Attraversato dagli alti corsi dei fiumi Cauca, Patía e Caquetá, che si dipartono dal nodo orografico di Las Papas, è caratterizzato da un clima di tipo caldo-umido, con elevate temperature, decrescenti con l'altitudine, e copiose precipitazioni. La popolazione, concentrata sull'altopiano e nelle valli interandine, trova le sue principali risorse economiche nell'agricoltura, nell'allevamento e nello sfruttamento forestale. Il sottosuolo dà oro, carbone, rame, petrolio. Centri importanti, oltre al capoluogo, sono Santander, Buenos Aires, El Tambo, Patía e Bolívar.