Questo sito contribuisce alla audience di

Char, René

poeta francese (L'Isle-sur-la-Sorgue, Vaucluse, 1907-Parigi 1988). Fu uno degli esponenti del gruppo surrealista; con Breton ed Éluard scrisse Ralentir: travaux (1930; Rallentare: lavori in corso) alla cui poetica si rifanno le prime raccolte di versi, tra cui Le marteau sans maître (1934; Il martello senza padrone), Dehors, la nuit est gouvernée (1938; Fuori, la notte è governata). In Premières alluvions e Feuillets d'Hypnos (1946; Pagine d'Hypnos) il peso dell'esperienza umana (la guerra, la Resistenza) prevale sulla sperimentazione estetica, mentre Recherche de la base et du sommet (1955) riafferma le sue posizioni sulla letteratura e la pittura. Altre opere: Les matinaux (1950), À une sérénité crispée (1951), L'effroi, la joie (1969), La nuit talismanique (1972), Les aromates chasseurs (1973), Chants de la balandrane (1977), Voisinages de Van Gogh (1987), Èloge d'une soupconnée (1988).

P. Bigongiari, Poesia francese del Novecento, Firenze, 1968; M. Blanchot, L'infinito intrattenimento, Torino, 1977; N.K. Piore, Lightning: the Poetry of René Char, Boston, 1981; J.-C. Mathieu, La poésie de René Char ou le Sel de la Splendeur, 2 voll., Parigi, 1985; G. Mounin, Avez-vous lu Char?, Parigi, 1989.