Questo sito contribuisce alla audience di

Chatzis, Dimitrios

romanziere e poeta greco (Giannina 1914-Atene 1981). Ancora studente fu mandato in esilio dal regime di Metaxas. Durante la seconda guerra mondiale partecipò alla Resistenza e alla guerra civile. In seguito visse come profugo politico in Ungheria e a Berlino Est (1949-74). È considerato uno dei narratori più significativi della prima generazione post-bellica. Senza innovazioni radicali, con il suo stile coltiva una narrativa realistica dal linguaggio immediato. Nei romanzi pare condividere con i suoi eroi il destino segnato dai nuovi ordinamenti sociali. Le opere più significative sono: Il fuoco (1946), La fine della nostra piccola città (1963), Indifesi (1966), Lingua e politica (1975), Il libro doppio (1976), Studi (1976), Militanza, testi di lotta 1940-50 (1979).