Questo sito contribuisce alla audience di

Cittanòva

comune in provincia di Reggio di Calabria (77 km), 400 m s.m., 61,82 km², 10.675 ab. (cittanovesi), patrono: san Girolamo (30 settembre).

Centro della piana di Gioia, alla destra del torrente Razza; è compreso nel Parco Nazionale dell'Aspromonte. Sorse nel 1618 per volere dei Grimaldi, principi di Gerace; distrutto dal terremoto del 1638, risorse e si sviluppò rapidamente, nonostante la nuova devastazione causata dal terremoto del 1783. § L'abitato è caratterizzato dalla presenza di numerosi palazzetti del sec. XIX e degli inizi del sec. XX, in stile eclettico e liberty. Nella piazza centrale sorge l'ottocentesca chiesa matrice di San Girolamo, costruita in forme pseudobarocche, con un'alta facciata fiancheggiata da due campanili: custodisce una pregevole statua lignea di San Girolamo, opera di Domenico de Lorenzo. La vicina chiesa del Rosario è anch'essa di architettura pseudobarocca, con alta facciata, campanili gemelli e volta dipinta. La Fontana dell'Olmo (1730) è l'unico monumento a essersi salvato dal sisma del 1783. Colorati murales decorano le pareti esterne di alcuni edifici. § L'agricoltura si basa in prevalenza sulla coltivazione di agrumi e olivi, cui si collega la produzione di olio. Lo sfruttamento dei boschi fornisce materia prima alla piccola industria, che opera nei settori della lavorazione del legno e del carbone.