Questo sito contribuisce alla audience di

Civitanòva del Sànnio

comune in provincia di Isernia (28 km), 565 m s.m., 55,92 km², 949 ab. (civitanovesi), patrono: san Bernardino (20 maggio).

Centro situato su un colle, alla destra dell'alto corso del fiume Trigno. Citato per la prima volta in un documento del 1002, dal sec. XV appartenne ai d'Evoli e ai D'Alessandro. § L'abitato antico è raccolto intorno alla parrocchiale di San Silvestro, che conserva un superbo soffitto a cassettoni in legno e molte opere d'arte, tra cui una pala secentesca. Nella piazza del paese è una bella croce di pietra del sec. XV. Del periodo sannitico restano tracce di mura poligonali. § L'economia si basa sull'agricoltura, con produzione di cereali e foraggi per l'allevamento bovino, ovino e caprino; i boschi forniscono legname, funghi e tartufi. Di un certo rilievo è il turismo. § Vi nacque il medico Antonio Cardarelli (1831-1927).