Questo sito contribuisce alla audience di

Cortazzóne

comune in provincia di Asti (19 km), 225 m s.m., 10,37 km², 626 ab. (cortazzonesi), patrono: san Secondo (terza domenica di agosto).

Centro del Basso Monferrato situato nella valle omonima. Di antico insediamento (Curs Azonis), fu possesso della Chiesa di Pavia; dopo il dominio pontificio (1473) passò ai Della Rovere d'Aragona. Durante la guerra di successione spagnola (sec. XVII) il paese e il castello furono devastati dai francesi.§ Nella parte alta dell'abitato il massiccio castello medievale, ricostruito nei sec. XVIII e XIX, conserva della originaria costruzione i resti di una torre quadrata e tratti della cinta muraria. Fuori dell'abitato sorge la chiesa romanica di San Secondo (sec. XII), con la facciata in parte manomessa; i fianchi e le tre absidi semicircolari, scandite da paraste ed esili semicolonne, conservano le forme primitive; l'interno, a tre navate, custodisce un affresco del sec. XIII.§ L'economia è basata sull'agricoltura, rivolta alla coltivazione di uva da vino (barbera), ortaggi, frutta (nocciole), cereali, e sulla pioppicoltura. L'industria è attiva nel settore tessile. Presenti anche attività di agriturismo.

Media


Non sono presenti media correlati