Questo sito contribuisce alla audience di

Couperus, Louis Marie Anne

scrittore olandese (L'Aia 1863-De Steeg 1923). Con una sensibilità decadente ha descritto in alcune sue opere in lingua neerlandese l'ambiente frivolo e mondano dell'aristocrazia olandese di fine Ottocento. I migliori di questa serie sono: Eline Vere (1889), storia di una donna vittima di una cultura troppo raffinata che soccombe alla propria debolezza; I libri delle piccole anime (1902) e Vecchia gente e le cose che passano (1906), dove i protagonisti sono condannati dall'ineluttabilità del destino. Il suo estetismo si mise in luce nelle opere evocative del passato, dove l'Oriente è simbolo di corruzione e le figure di Alessandro Magno, protagonista dell'omonimo romanzo (1920), e di Eliogabalo (La montagna di luce, 1906) sono colte nel momento della loro tragica decadenza.