Questo sito contribuisce alla audience di

Curti

comune in provincia di Caserta (4 km), 40 m s.m., 1,73 km², 6998 ab. (curtesi), patrono: san Rocco (16 agosto).

Centro della Terra di Lavoro, posto alla sinistra del fiume Volturno. Già esistente in epoca romana, fu casale di Capua, poi di Santa Maria Capua Vetere, di cui seguì le sorti. § Nell'abitato è la parrocchiale barocca. Nei dintorni sorgono due mausolei romani: il primo, detto “la Conocchia” (sec. II-III d. C.), è un alto edificio quadrangolare con quattro torrette cilindriche; il secondo, detto “Carceri vecchie” (forse sec. II), è il più grande edificio funerario della Campania, con due corpi cilindrici sovrapposti (quello superiore deteriorato), ha l'architrave sostenuta da semicolonne che incorniciano nicchie semicircolari e rettangolari alternate. § L'economia si basa su una fiorente agricoltura (olive, con notevole produzione di olio, cereali, ortaggi e soprattutto tabacco) e sulla piccola industria dell'abbigliamento e della lavorazione dei metalli.