Questo sito contribuisce alla audience di

De Màuro, Tùllio

linguista italiano (Torre Annunziata 1932, Roma 2017). Professore all'Università di Roma, si è prevalentemente occupato di linguistica generale, di semantica e di storia linguistica italiana con particolare attenzione ai fattori sociologici che condizionano e determinano le strutture linguistiche: Parlare italiano (1962), Storia linguistica dell'Italia unita (1963), Introduzione alla semantica (1965), La forma linguistica (1973), Scuola e linguaggio (1977), Le parole e i fatti (1977). Nell'ambito della teoria linguistica va segnalata anche la traduzione commentata del celebre Corso di linguistica generale di F. de Saussure (1967). Gli interessi sociologici si sono accentuati negli anni più recenti, spingendo lo studioso ad allargare il campo della ricerca linguistica per mettere in luce le connessioni fra lo sviluppo dei sistemi comunicativi e l'evoluzione della civiltà moderna; ne è testimonianza una serie di contributi monografici che si sforzano di illustrare, in termini volutamente semplici e divulgativi, lo stretto rapporto che lega la lingua alla società: Idee e ricerche linguistiche nella cultura italiana (1980), Guida all'uso delle parole (1980), Minisemantica dei linguaggi non verbali e delle lingue (1982), Ai margini del linguaggio (1984), L'Italia delle Italie (1987), Il romanesco ieri e oggi (1989). Questo stesso spirito metodologico anima la grande impresa di cui De Mauro ha successivamente assunto il coordinamento: la preparazione di un'opera di sintesi complessiva, ossia un nuovo, organico dizionario dell'italiano contemporaneo e delle sue profonde trasformazioni verificatesi sino alle soglie del Duemila. Ha continuato la sua attività di saggista nel corso degli anni Novanta, con Lessico di frequenza dell'italiano parlato (1993), Capire le parole (1994) e Idee per governare la scuola (1994). Nel 1996 ha pubblicato, in collaborazione con G. G. Moroni, un Dizionario di base della lingua italiana, destinato agli alunni delle scuole elementari e opportunamente accompagnato da un Dizionario visuale che comprende tavole con immagini a colori, tabelle e schemi, mentre nel 1999 ha ideato e diretto il Grande dizionario italiano dell’uso, edito da Utet. Dal 2000 al 2001 De Mauro è stato chiamato a ricoprire il delicato incarico di ministro della Pubblica Istruzione nel governo Amato. Nel 2006 ha pubblicato Parole di giorni lontani.

Media


Non sono presenti media correlati