Questo sito contribuisce alla audience di

Dugonics, András

romanziere ungherese (Szeged 1740-1818). Sacerdote scolopio, insegnante alle scuole secondarie, poi docente universitario, contrastò la politica culturale dell'imperatore Giuseppe. Esordì con la versificazione in alessandrini volgari dell'assedio di Troia e con l'elaborazione in prosa latina e poi ungherese della storia degli Argonauti, nonché con la rielaborazione libera in versi ungheresi dell'Odissea. Ottenne il maggiore successo coi romanzi storici nei quali, sfruttando situazioni e intrecci mutuati da coevi romanzi storici tedeschi, cercò di ricreare l'atmosfera del Medioevo ungherese. Etelka (1786) e Jólánka, figlia di Etelka (1803) furono i primi bestseller nella produzione libraria ungherese. Importante è anche la sua raccolta in due volumi dei proverbi ungheresi pubblicati postumi nel 1820.