Questo sito contribuisce alla audience di

Fabrìzia

comune in provincia di Vibo Valentia (51 km), 947 m s.m., 38,72 km², 2698 ab. (fabriziesi), patrono: sant’ Antonio (domenica dopo 13 giugno).

Centro del versante ionico delle Serre, posto nell'alto bacino della fiumara Allaro. Derivò il suo nome dal casino di villeggiatura che nel 1590 Fabrizio Carafa, principe di Roccella, fece edificare nella località detta Cropanei o Le Prunare. Subì gravi danni dal terremoto del 1783.§ La chiesa del Santissimo Rosario, eretta nel 1611, conserva un'icona coeva raffigurante la Madonna del Rosario. La chiesa di Santa Maria delle Grazie (1594, più volte rimaneggiata) ha all'interno affreschi, una statua lignea settecentesca di Sant’Antonio, di scuola napoletana, e due ostensori d'argento, forse opera di cesellatori senesi (sec. XVIII). Notevoli sono alcuni palazzi, con bei portali in granito e balconi in ferro battuto.§ Il ricco patrimonio forestale alimenta l'attività di alcune segherie e il commercio del legno; di rilievo è la raccolta di fragole, funghi e castagne. L'agricoltura produce cereali, fagioli, ortaggi e uva. Ridente località di villeggiatura, ha anche un discreto movimento turistico.

Media


Non sono presenti media correlati