Questo sito contribuisce alla audience di

Gúdas, Anastásios

medico e scrittore greco (Epiro 1816-1882). Nel 1860, scontratosi con la corte bavarese di re Ottone, fu condannato per le sue idee politiche democratiche che non erano condivise dal governo e per questo si rifugiò prima a Smirne e poi a Londra. Ritornò in Grecia dopo la caduta di Ottone (1862). Vite parallele degli uomini della Rivoluzione (1869-76, 8 vol.) è il suo lavoro più importante, nel quale parla della Rivoluzione del 1821, degli uomini e dei fatti di quell'evento storico. Scrisse anche molti altri saggi di contenuto politico.

Collegamenti