Questo sito contribuisce alla audience di

Gasse, Stéfano e Luigi

architetti di origine francese (Stefano, Napoli 1778-1840; Luigi, Napoli 1778-1833). Fratelli gemelli, studiarono a Parigi e all'Accademia di Francia a Roma. Dal 1802 furono attivi a Napoli (la loro collaborazione fu interrotta solo dalla morte di Luigi), inserendosi come esponenti di rilievo nello sviluppo dell'architettura neoclassica locale. Le opere in collaborazione (palazzo S. Giacomo, attuale municipio, e ingresso di S. Giacomo degli Spagnoli, 1816-19; specola astronomica di Capodimonte, 1819; palazzo Montemileto, 1832), come quelle del solo Stefano (ampliamento della villa di Chiaia, 1834) sono caratterizzate da una grande finezza dei partiti decorativi, che riscatta la generale convenzionalità degli schemi distributivi.

Media


Non sono presenti media correlati