Questo sito contribuisce alla audience di

Giasóne di Fère

uomo politico tessalo (sec. IV a. C.). Figlio di Licofrone, gli succedette nella tirannide di Fere intorno al 385 a. C. e riuscì in breve a ridurre in suo potere le città della Tessaglia ottenendo infine di farsi eleggere tago della Lega tessala. Dopo la sconfitta spartana a Leuttra (371 a. C.), convinse Tebani e Spartani a concludere una tregua. Nella primavera del 370 a. C., nell'imminenza delle celebrazioni pitiche, mobilitò tutte le forze tessale e rivendicò ai Tessali la presidenza dei giochi, il controllo su Delfi e la supremazia sull'Anfizionia. Cadde vittima di un attentato durante una parata militare (370 a. C.) prima di poter realizzare i suoi piani di egemonia panellenica.

Media


Non sono presenti media correlati