Questo sito contribuisce alla audience di

Gijsen, Marnix

pseudonimo dello scrittore belga di lingua neerlandese Jan-Albert Goris (Anversa 1899-Lovanio 1984). Dopo gli esordi come poeta (Litania in lode di San Francesco, 1920; La casa, 1925), si affermò nel campo della narrativa con il romanzo Gioacchino di Babilonia (1947), nel quale è adombrata la storia di una profonda crisi personale dell'autore. Dalla sua visione scettica e amara della vita nacquero le opere successive: Telemaco nel villaggio (1948); Elegia per Agnese (1951), Il gatto sull'albero (1953), Lucinda e il Lotofago (1959), Il cavallo Ugo (1968) e L'osteria del gran piagnisteo (1975). Gijsen ha anche scritto numerosi saggi critici.

Media


Non sono presenti media correlati