Questo sito contribuisce alla audience di

Guardiarègia

comune in provincia di Campobasso (27 km), 730 m s.m., 41,91 km², 783 ab. (guardioli), patrono: san Nicola (9 maggio).

Centro situato nella valle del torrente Quirino, sulle pendici orientali dei monti del Matese. Sorto prima del Mille, appartenne alla Contea di Bojano, a quella di Molise, ai Pandone e ai Di Capua. L'abitato conserva la settecentesca parrocchiale di San Nicola e una bella fontana con un pavone bronzeo. § All'agricoltura (cereali e foraggi) si affianca l'allevamento bovino, suino, ovino e caprino e lo sfruttamento dei boschi (legname e funghi). L'industria è presente nel settore dei materiali da costruzione (cemento, calcestruzzo, manufatti, prefabbricati); è attivo l'artigianato della creta (pignatte). Di rilievo è il turismo escursionistico e di villeggiatura estiva. § Compresa nell'Oasi Naturale del Matese affidata al WWF è l'area di Arcichiaro, con le gole del torrente Quirino, tra i più importanti canyon dell'Appennino, e la cascata di San Nicola (100 m).