Questo sito contribuisce alla audience di

Herrera, Francisco de-, detto el Mozo

(il Giovane), pittore, incisore e architetto spagnolo (Siviglia 1622-Madrid 1685), figlio di Francisco de Herrera el Viejo. Un giovanile soggiorno romano, durante il quale si specializzò in nature morte meritandosi il soprannome di “lo Spagnolo dei pesci”, costituì una tappa determinante nella sua evoluzione artistica. Egli si svincolò infatti dai modi della scuola sivigliana pervenendo a un più vivace dinamismo barocco e a un'enfasi cromatica d'ascendenza veneta, evidenti nelle opere successive al suo ritorno a Siviglia: Il Sacramento adorato dai Dottori (1656, Siviglia, cattedrale), Il trionfo di Sant'Ermenegildo (Madrid, Prado). A Madrid eseguì decorazioni a fresco, oggi perdute, in San Filippo Reale e nel convento di Nostra Signora di Atocha. Come architetto, fu autore del progetto della cattedrale barocca di Nostra Signora del Pilar a Saragozza (1677).