Questo sito contribuisce alla audience di

Köhler, Wolfgang

psicologo tedesco (Reval, Estonia, 1887-Enfield, New Hampshire, 1967). Studiò a Berlino, dove ebbe come professore di psicologia C. Stumpf, al quale succedette nel 1922. Nel 1934, con l'avvento al potere del nazismo, lasciò la Germania per gli Stati Uniti, divenendo professore di psicologia nell'Università di Swarthmore (Pennsylvania). È con M. Wertheimer e K. Koffka uno dei fondatori della psicologia della forma. La più interessante concezione di Köhler è quella relativa alla sua dottrina dell'isomorfismo. Secondo tale dottrina, a ogni evento che si verifica nel campo fenomenico di un individuo deve corrispondere sul piano fisiologico dello stesso individuo un altro evento strutturalmente identico al primo. Sebbene Köhler si sia prevalentemente occupato di percezione visiva nell'uomo (classici a questo proposito i suoi studi sugli effetti figurali postumi, da cui derivò il suo concetto di saturazione o saziazione), il suo nome rimane in gran parte legato alle ricerche che compì negli anni della I guerra mondiale a Tenerife sugli scimpanzé, da cui derivò il concetto di insight (o intuizione). Köhler aveva infatti osservato come gli scimpanzé, nella risoluzione di un problema, mettessero in opera un processo estremamente caratteristico; in luogo di procedere per tentativi ed errori, come volevano i teorici dell'apprendimento nordamericani, e in particolare E. L. Thorndike, lo scimpanzé risolveva il problema ponendo insieme improvvisamente tutti gli elementi che lo componevano, scoprendone le reciproche relazioni. Secondo Köhler, e in genere secondo tutti gli psicologi della Gestalt, tale processo di insight deve essere considerato come il fondamentale processo di organizzazione del pensiero, sia nell'apprendimento, sia nella soluzione dei problemi. Fra le sue opere si ricordano Intelligenzprüfungen an Anthropoiden (1917; Esperimenti sull'intelligenza degli antropoidi), Die physischen Gestalten in Ruhe und stationären Zustand (1920; Le forme fisiche in riposo e in stati stazionari), The Place of Value in a World of Facts (1938; Il posto dei valori in un mondo di fatti), Dynamics in Psychology (1940; Principi dinamici in psicologia).

Bibliografia

P. Guillaume, La psicologia della forma, Firenze, 1963; P. Bozzi, Unità, identità, causalità, Bologna, 1969.

Media


Non sono presenti media correlati