Questo sito contribuisce alla audience di

Kakiemon

tipo di porcellana giapponese il cui nome deriva da quello del ceramista Kakiemon Sakaida, che per primo, verso il 1650, ne realizzò la produzione, secondo tecniche di impasto e di decorazione (sopra vernice) di derivazione cinese. La decorazione a smalto (come per le porcellane cinesi della “famiglia verde”) veniva applicata in misura molto ridotta nei colori rosso, verde, azzurro, diluiti fino a raggiungere tonalità tenui di pastello. Diffusa in Europa in epoca rococò, la porcellana Kakiemon incontrò largo successo, tanto da venire imitata dalle maggiori manifatture del tempo. La produzione di Kakiemon cessò in Giappone alla fine dell'Ottocento.

Media


Non sono presenti media correlati