Questo sito contribuisce alla audience di

Lacònia

(Lakōnías). Provincia (nomós) della Grecia, nella regione Peloponneso, 3636 km², 93.818 ab. (stima 2005), 26 ab./km², capoluogo Sparta.

Si estende sul territorio dell'antica regione omonima, tra la Messenia a W e l'Arcadia a N e a NE e affacciata al Mediterraneo a S. Il territorio, in prevalenza montuoso (monte Taigeto), digrada a terrazze verso il golfo omonimo ed è percorso da fiumi che, fatta eccezione per l'Eurota, sono a regime irregolare. Il clima mediterraneo favorisce l'agricoltura, praticata soprattutto nella fertile pianura costiera. Nelle zone montuose si pratica l'allevamento, in special modo di ovini. Oltre al capoluogo, sono centri importanti Gizio e Malvasia. § Il centro della Laconia era territorio di Sparta, coltivato per gli Spartiati dagli iloti. Ancora agli Spartiati apparteneva il fertile distretto di Gytheum (porto e arsenale di Sparta). Il resto della Laconia, sia sulla costa sia nell'interno, era territorio dei perieci (vassalli) di Sparta: per lo più un'area arida e montuosa. Dopo la conquista romana la maggior parte delle comunità della Laconia si riunirono nel koinòn ton Lakedaimoníōn, trasformato poi da Augusto nel koinòn ton Eleutherolakonōn, indipendente da Sparta. L'organismo federale comprendeva 24 comunità, che furono ridotte a 18 in età antonina.

Media


Non sono presenti media correlati