Questo sito contribuisce alla audience di

Lahūtī, Abū'l-Qāsim

poeta e letterato di origine persiana (Kermānshāh, Kurdistan, 1887-? 1957). Figura tra le più interessanti della giovane letteratura tagica, esule in URSS dal 1922, divenne un fervente fautore della rivoluzione d'Ottobre e riparò nel Tagikistan sovietico. La sua opera, oltre che di poesie e poemi di varia lunghezza (famosa è soprattutto la sua ode al Cremlino, un carme di esaltazione alla Russia socialista), è ricca di traduzioni in tagico dall'inglese e dal russo.

Media


Non sono presenti media correlati