Questo sito contribuisce alla audience di

Leroy, Philippe

pseudonimo dell'attore cinematografico francese Ph. L.-Beaulieu (Parigi 1930). Di origine aristocratica, esordì nell'ultimo film di Becker, Il buco (1960). Al plastico marito di Una donna sposata (1964) di Godard fece seguire il divertente “professore” di Sette uomini d'oro (1965). Sia da protagonista sia da comprimario, ha lavorato molto spesso in Italia: in televisione è stato Leonardo da Vinci (1971) per Castellani ed è apparso in Sandokan (1976) e ne Il corsaro (1983) di Giraldi. Tra gli altri film interpretati si ricordano Coraggio scappiamo (1979), Il tango della gelosia (1981) di Steno, Nikita (1990) di L. Besson, Il ritorno di Casanova (1993) di E. Niermans e Vajont - La diga del disonore (2001) di R. Martinelli, La terza madre (2007) di Dario Argento, La strada di Paolo (2011) di Salvatore Nocita, Il grande forse (2012) di Marco Tullio Barboni.

Media


Non sono presenti media correlati