Questo sito contribuisce alla audience di

Lubrano, Giàcomo

poeta e oratore sacro italiano (Napoli 1619-1693). Gesuita, polemizzò nelle sue prediche contro il quietismoLasciò epigrammi latini a imitazione di Catullo e di Marziale e una raccolta di poesie in volgare (Scintille poetiche o poesie sacre e morali, 1674) che, per l'ardito concettismo, lo collocano tra i più significativi esponenti della scuola marinista.

Media


Non sono presenti media correlati